Luciano Grappeggia

Fra luci e ombre, realtà di attuale sentire

Luciano Grappeggia nasce a Conselve, provincia di Padova nel 1951, ed opera tutt’ora a Cavazzera in provincia di Venezia.
Comincia a conoscere il disegno dal Maestro Walter Pregnolato, di cui assimila ogni cosa.

Dopo alcuni anni di ricerca personale pittorica, l’Artista trova la sua firma.
Il suo stile è improntato in un figurativo inconfondibile che ne fa la differenza.
La sua visibilità inizia nel 1987 dove riscuote enormi successi e soddisfazioni vincendo molti premi prestigiosi ed ottenendo importanti riconoscimenti da parte della critica.

Molti sono gli articoli in cui viene menzionato da critici di rilevanza, ed in stupende poesie dedicate alle sue opere ed a lui.

I suoi dipinti si incontrano in collezioni private e pubbliche, sia in Italia che all’estero.
Mi soffermo a vedere le sue opere che trovo di una straordinaria esecuzione; quando gli viene chiesto come fa ad eseguirle in quel modo, risponde con semplicità e sincerità, descrive con lodevole umiltà la sua ricerca e la sua Arte e tutto questo arriva all’interlocutore.

Osservando una sua opera non si può fare a meno di immergersi; c’è sempre una centralità che cattura e sfogliando le varie velature che ricoprono la scena, le luci, le ombre ed i riflessi dei chiaro scuri che danno corpo all’insieme, ti ritrovi nel mezzo del suo pensiero, elaborato e costruito nell’ambientazione, la quotidianità intrisa di poesia danno vita e movimento a ciò che vedi e pensi: “sogno o realtà”?… straordinario Maestro.

STUPISCE SEMPRE! E’ sapienza, pensiero, struttura, tecnica, fruscii composti con eleganza di gesto e raffinatezza d’animo; riesce a mettere dignità e poesia a semplici gesti, oggetti o ricordi di gente e realtà del quotidiano.

Ogni opera è un racconto di un vissuto, un riportare alle menti un passato che lascia traccia.
Ognuno di noi vede o sogna guardando un opera! Quando guardo i suoi lavori entro e sento echi di gente che mormora e si diverte, vedo maschere in atmosfere di tempi antichi tipici veneziani o luoghi di nobiltà; e non solo, animi che non andranno mai persi.

Le tele dipinte dall’Artista, sono un impalpabile espressione di evanescenze in una nuvola di figure surreali; osservando le opere di Luciano Grappeggia vi rimarrà un grande senso di vita.

Autrice: Rosanna Romano / Roro

Impaginazione: Ornella Ogliari

Lascia un commento