Magnavox Odyssey

Magnavox Odyssey

Magnavox Odyssey

É stata la prima console per videogiochi domestica uscita sul mercato.Fu presentata il 24 maggio 1972 e fu messa in vendita nel mese di agosto dello stesso anno, precedendo Pong, prodotto da Atari, di 3 anni.

L’Odyssey venne progettata da Ralph Baer che la realizzò nel 1968 elaborando un precedente progetto di videogioco intitolato Bucket Filling Game.

Dopo una lunga trattativa con Magnavox, la console fu rivista per poter essere prodotta in larga scala e fu messa in commercio nel mese di agosto del 1972, rimanendo in vendita fino al 1975.

Il prototipo della console realizzata da Baer è conosciuto dagli appassionati come la “scatola marrone” (Brown Box ed è custodito nel National Museum of American History dello Smithsonian Institution a Washington.

Dopo l’introduzione sul mercato di Pong Magnavox denunciò Atari, Inc. per violazione di brevetto, dal momento che Pong era quasi identico al gioco di tennis dell’Odyssey, vincendo il patteggiamento.

Durante gli anni ottanta, Magnavox citò in giudizio altre grandi società come Coleco, Mattel, Seeburg, Activision e in ognuno dei casi o vinse o arrivò al patteggiamento.

Nel 1985, Nintendo citò Magnavox e cercò di invalidare i brevetti di Baer dicendo che il primo videogame era il Tennis for Two di William Higinbotham costruito nel 1958. La corte decise che questo gioco non utilizzava il segnale video e che quindi non poteva qualificarsi come videogame.

Come risultato, Nintendo perse la causa e continuò a pagare i diritti (royalties) alla Sanders Associates.Baer inventò poi il classico gioco elettronico chiamato Simon per la Mattel nel 1978.

Magnavox più tardi rilasciò molte altre console simil-Pong più piccole (Serie Odyssey di Magnavox/Philips) sempre basate sul nome Odyssey che non usavano cartucce o schede di gioco, e successivamente (nel 1978) una vera e propria console programmabile basata su cartucce, il Philips Videopac, conosciuta sul mercato statunitense con il nome Magnavox Odyssey.

Torna alla lista ←

24 Febbraio, 2016

Tag:,

Lascia un commento