Ninna nanna

Ninna nanna

Ninna nanna
bel bambino
dormi stretto
al tuo cuscino.
Ninna nanna
figlio bello
che la mamma
non c’è più.
Nella ninna
amore mio
sogna un fiore variopinto
che nessuno può pigliarti
sogna un angelo dipinto
che dal cielo sta a guardarti.
Sogna
figlio della morte
prega Dio
per la tua sorte
ninna nanna
ninna ancora
che fintanto dormirai
non potrai sapere il male
non conoscerai il dolore
non saprai che è amaro il sale
non sanguinerà il tuo cuore.

Ispirata al racconto “Angela e Caterina” della serie Donne Maledette

di Vespina Fortuna

Lascia un commento