Racconti di Ieri

Aci e Galatea- Fontana dei Medici- Parigi

Racconti di Ieri è una rubrica dedicata ai miti e alle leggende del passato. Qui troverete brani tratti dalle tradizioni mitologiche di popoli vicini e lontani; dalla cultura ellenica, a quella nordica, passando per l’egizia, la mesopotamica e l’amerindia.

Leggerete racconti tratti dalle più grandi raccolte di novelle medievali, e conoscerete tramite la mia penna personaggi antichi quanto il tempo.

Le antiche storie saltate di bocca in bocca, copiate in manoscritti cadenti, stampate e ristampate in raccolte finemente rilegate, adesso approdano qui nel mondo virtuale per emozionarvi ancora.

Daniele Bello

Ultimi Articoli


Il Vello d'oro - 3 di 3
6. La rotta per il ritorno Quando Eete si accorse dell’inganno, fece armare la sua flotta e si gettò all'inseguimento degli stranieri. A questo punto, i mitografi ci danno due versioni diverse di quanto accadde: secondo Apollodoro, Medea aveva
Il Vello d'oro - 2 di 3
4. Il viaggio verso la Colchide Giasone prese il comando della nave Argo e gli eroi si misero in viaggio, guidati
Il Vello d'oro - 1 di 3
L’impresa degli Argonauti La saga degli Argonauti è una delle più antiche leggende della mitologia greca; le loro imprese sono citate dapprima nei poemi omerici e in quelli esiodei, per venire poi narrate in numerose opere dell’antichità classica.
I Sette contro Tebe - 3 di 3
La dinastia dei Labdacidi Laio tornò dall’esilio ed ascese al trono di Tebe; egli prese in moglie Giocasta, figlia di Meneceo (un altro rampollo della nobiltà locale)[1]. Un oracolo aveva avvertito Laio di non generare figli, perché se avesse mai
I Sette contro Tebe - 2 di 3
La famiglia reale della Cadmea Quando Cadmo divenne re di Tebe, egli si unì in matrimonio con la bellissima Armonia, figlia di Ares e Afrodite. Sembra che tutti gli dei dell’Olimpo, per l’occasione, lasciassero la loro dimora celeste per
I Sette contro Tebe - 1di3
I SETTE CONTRO TEBE La turpe saga dei Labdacidi Le leggende che ruotano attorno alla famiglia reale tebana sono sicuramente tra le più fosche di tutta la mitologia greca (pari solamente a quella degli Atridi, di cui si è già avuto modo di
L'elefante impaziente
Gli insegnamenti di mamma Africa Il continente africano non solo è la culla dell’umanità, ma anche la fucina che ha forgiato molte tra le fiabe più antiche del mondo: protagonisti di questi racconti sono, in genere, gli animali della savana,
L'eredità dei tre fratelli
  Fiabe dalla remota India Il patrimonio fiabesco dell’India, noto a noi occidentali anche grazie al filtro della letteratura araba (che, soprattutto nelle “Mille e una Notte”, attinge a piene mani dal patrimonio letterario del subcontinente
Fiabe irlandesi - la parte del campione
FIABE IRLANDESI[1] Dal patrimonio dell’isola di Erin[2] Molte delle leggende ispirate al pantheon celtico sono oggi scomparse a seguito dell’avvento del Cristianesimo, che vedeva nella religione dei Druidi un serio pericolo per la diffusione del
ERACLE le ultime imprese (3 di 3)
Le ultime imprese di Eracle (i “Parerga”) Al termine delle sue dodici fatiche, Eracle aveva così riconquistato la sua libertà e acquisito il titolo di “Callinico” (“dalla bella vittoria”). L’eroe decise allora di trovarsi una nuova compagna e si
ERACLE le dodici fatiche (2 di 3)
ERACLE Eroe e semidio Le dodici fatiche di Eracle (“Erga”) La fama di Eracle è nota ai posteri principalmente per le celebri Dodici Fatiche. Secondo
ERACLE la nascita e la giovinezza (1 di 3)
ERACLE Eroe e semidio L’epopea di Eracle (che i Romani chiamarono “Ercole”) è sicuramente una delle più popolari delle mitologie di tutto il mondo. La saga di questo illustre personaggio non solo è nota in tutta l’antichità classica, ma trova un
I tre fratelli
Fiabe dalla remota India Il patrimonio fiabesco dell’India, noto a noi occidentali anche grazie al filtro della letteratura araba (che, soprattutto nelle “Mille e una Notte”, attinge a piene mani dal patrimonio letterario del subcontinente
Fiabe irlandesi - la pietra da minestra
FIABE IRLANDESI[1] Dal patrimonio dell’isola di Erin[2] Molte delle leggende ispirate al pantheon celtico sono oggi scomparse a seguito dell’avvento del Cristianesimo, che vedeva nella religione dei Druidi un serio pericolo per la diffusione del