Storia e Cultura

Storia e…

Storia

Parleremo di storia, tradizioni, letteratura e non solo.
Guideremo gli spettatori in un vero e proprio viaggio nei siti archeologici e nelle località dove il passato si incarna ancora oggi in pietre, strade ed edifici, ma anche in boschi ed elementi naturali.
Cercheremo di conoscere le origini della nostra cultura e di rendere giustizia a lughi leggendari, misitici e pregni di quella magia antica che ancora raffiora in alcuni luighi, vicini e lontani.


Un prezioso strumento ci aiuterà ad approfondire gli argomenti più disparati:
si tratta di una piattaforma dove gli studenti possono condividere testi, riassunti e lezioni
e trovare così un valido supporto nello studio delle proprie discipline.


 

Ultimi articoli


Ercolano antica: la storia
Affacciati sul golfo di Napoli, ai margini di Ercolano moderna (fino al 1969 Resìna), si estendono i resti della città antica, uno dei centri archeologici più celebri di tutta Italia. Secondo la leggenda narrata da Dionigi di Alicarnasso, Ercolano
38 d.C - 52 d.C. - Aniene Nuovo
L'Aniene Nuovo (Anio Novus) fu così chiamato per distinguerlo dal più antico condotto, derivato direttamente dall'Aniene, che perciò fu detto Vetus
38 d.C - 52 d.C. - Acqua Claudia
La conduzione dell'Acqua Claudia e dell'Aniene Nuovo (Anio Novus) fu iniziata nel 38 d.C. ad opera di
19 a.C. - Acquedotto Vergine
Dopo le guerre civili, al tempo di Augusto, la crescita costante della popolazione urbana e l'edificazione dei grandi impianti
Colonia: ritrovati i resti della più antica biblioteca della Germania
Le pareti della biblioteca sono state scoperte per la prima volta nel 2017 durante uno scavo sul terreno di una chiesa protestante, la chiesa di Antoniter, in quella che oggi è una moderna area commerciale nella città di Colonia. Il resto della
Simone Martini
Siena 1284 ca. – Avignone 1344 In un sonetto di Francesco Petrarca Simone vola fino in Paradiso per ritrarre "il bel viso" della
33 a.C. - Acqua Iulia (Giulia)
Fu costruito da Agrippa nel 33 a.C., captando l'acqua da un gruppo di sorgenti presso il dodicesimo miglio della Via Latina. La Tepula e la Giulia, dopo essersi sovrapposte alla Marcia, proseguivano, riunite, verso la città, ora intersecando ora
Autoritratti in poesia
Sono e sempre sono stato povero… Sono, non lo nego, e sempre sono stato, o Callistrato,
I Lorenzetti
Pietro, Siena 1280 ca. - 1348?Ambrogio, Siena, documentato dal 1319 al 1348 La fama dei due fratelli senesi travalica i
144 a.C. - Acqua Marcia
La costruzione dell'Acqua Marcia è stata voluta dal pretore Quinto Marcio Re e risale al 144 a. C., vale a dire al momento culminante
272 a.C. - Aniene Vecchio
L'Anio Vetus, così chiamato perché captava l'acqua direttamente dal fiume Aniene, fu costruito dai censori M. Curio Dentato e Flavio Flacco
312 a.C. - Acqua Appia
Il primo acquedotto risale al 312 a.C. e fu opera del censore Appio Claudio Crasso, detto Cieco, grande personalità politica che si fece promotrice di importanti opere pubbliche tra cui la Via Appia. Dell'Acqua Appia non sono rimasti monumenti
Gli acquedotti di Roma
Secondo Dionigi di Alicarnasso (60 a.C. circa – 7 a.C.), e altri storici dell'epoca, la grandezza dell'Impero Romano si identificava in particolare con tre opere: gli acquedotti, le strade e il sistema fognario (le cloache). Ne deriva un'immagine
Il romitorio di Santa Petronilla (Gr)
Può capitare di fare un'escursione nel verde e di ritrovarsi al cospetto di antichi resti, testimonianze di un passato lontano, a volte misterioso, ma sempre emozionante. Proprio questo succede a chi si addentra nei boschi delle Bandite a nord-ovest
Giotto (Agnolo di Bondone)
Colle di Vespignano (Firenze) 1266 ca. - Firenze 1337 Protagonista di una svolta clamorosa nella
8 - Otto
L'equilibrio cosmico L'8 è il numero dell'equilibrio cosmico, il simbolo matematico dell'infinito, l'espressione della luce solare, la cifra che proietta l'individuo in uno stato superiore dell'essere, legato alla rinascita spirituale. La forma
Duccio di Buoninsegna
Siena1260 ca. - 1318 e 1321 Diverse notizie attestano la feconda carriera dell'artista senese: nel 1278 l'Ufficio della biccherna del Comune lo paga per dipingere casse di documenti; in seguito è incaricato di eseguire, secondo l'uso tipicamente
Cimabue
Ritratto di Cimabue, di Giorgio Vasari Cimabue (Cenni di Pepe, o Pepo), Firenze 1240 ? - 1302 Per la potente espressività, per i colori intensi che esaltano la plasticità dei corpi, la pittura di Cimabue segna il progressivo distacco dalle
7 - Sette
La scala É il numero dell'armonia celeste, che si rispecchia nelle note e nei toni musicali, come pure nelle virtù che nobilitano gli esseri umani. Lo si può paragonare a una scala, i cui gradini portano a salire oppure  a scendere. Il 7 è una
Repubblica
Al di là di ogni parata o festa, vogliamo prendere spunto dalla ricorrenza di oggi, 2 giugno, per proporre una riflessione sul concetto di Repubblica ispirandoci a chi, tanto tempo prima di noi, ha riflettuto e approfondito il tema dello stato e
Nicola e Giovanni Pisano
Nicola e Giovanni Pisano Rispettivamente 1215 - 1278 circa; Pisa 1245 - Siena dopo il 1317 Nicola e Giovanni, padre e figlio,
Pietro Cavallini
Pietro Cavallini Attivo a Roma e a Napoli fra 1273 e 1321 Grazie al rafforzamento del potere papale e alle raffinate aperture della cosmopolita corte napoletana, l'arte centromeridionale è vivacizzata fra Due e Trecento da committenze che
Arnolfo di Cambio
Arnolfo di Cambio Colle Val d'Elsa1245 circa - Firenze 1302 circa Discepolo di Nicola Pisano, Arnolfo deve l'immensa fama al ruolo di architetto piuttosto
6 - Sei
La solida armonia Il numero 6, consacrato fin dall'antichitàall'unione sia fisica sia spirituale,riunisce significati all'apparenza contraddittori;in realtà questa cifra contiene una "solida armonia". Questo numero, già per la sua forma, si presta
Benedetto Antelami
Benedetto Antelami Attivo a Parma e nell'Italia settentrionale fra 1178 e 1230 Enigmi e ipotesi controverse circondano ancora la fisionomia
Miniatore meridionale
Miniatore meridionale Attivo alla metà del XIIII secolo Il regno di Sicilia, guidato da Federico II di Svevia (1194 - 1250) e poi dal figlio Manfredi, ha connotati culturali così originali potersi annoverare fra i più notevoli dell'occidente
5 - Cinque
Dualità e conflitto Come unione del 4 e dell'1, questo numero esprime il rapporto solidale tra la materia e il Creatore. Come somma del 3 e del 2, esprime la perfezione che sovrasta ogni dualità ma anche i conflitti che spezzano l'ordine. Questo è
4 - Quattro
La natura nella sua globalità I significati simbolici di questo numero sono legati a quelli dellacroce, del quadrato e del cubo. Numero della materia, delle direzioninello spazio e delle divisioni del tempo terrestre, il 4 esprimela natura nella sua