Sull’inutilità

Sull’inutilità

Preferisco la cosalità delle cose
alla nullità del nulla.
Se l’essenza è la funzione
allora io sono inutile,
ma me ne farò una ragione.
Nonostante tutto
le cose o gli uomini non mi hanno ancora ucciso
e il mio corpo non mi ha ancora mandato alla malora.
Nonostante tutto
sono ancora vivo.
Se non provi dolore, non vivi di stenti,
non vivi la guerra,
non sei braccato, non muori di fame
il mondo non è così male.
Forse la civiltà è tracciare strade
per farci arrivare in tutti i posti del mondo.
Dubito della civiltà.
Il cielo ha miliardi di sguardi,
ma nessuno sa la loro direzione.
Puoi scegliere i tre canoni buddisti, la Bibbia,
il Talmud, le Upanishad, il Corano
o altri testi sacri.
Puoi ricercare orgasmi del corpo o della mente.
Ricordati che sono sopratutto
le sinapsi chimiche e i neuromediatori
a regolare i nostri umori.
Cerca di non farti troppo male.
Non riempirti di vuoto.
Non trattare gli altri come giocattoli rotti.
Non snobbare troppo truismi e tautologie:
certe sere potrebbero esserti di aiuto.
Ricordati che è una manna
anche una minuscola intuizione.
Anche se tutto è già stato detto,
dillo comunque con parole tue.
Cerca metafore ed immagini.
Spesso è questione di visione interiore.
Non uniformare i tuoi gusti.
Non lasciarti illudere da pochi istanti felici.
Chiediti sempre se una rosa
è realmente una rosa come scrisse la Stein.
Prendi come punto di riferimento
di ogni giorno l’orizzonte al tramonto.
Ricordati che in tempi come questi
di basso impero tutto può succedere
perché le regole vanno a farsi benedire.
Cerca insomma di cogliere ogni istante:
è tutto qui, anche se sembra scontato.
Ricordati che il cielo è la sommatoria degli errori.
Troppe astrazioni saturano il cervello.
Ho capito che per vivere decentemente
ci vuole incoscienza e al contempo circospezione.
Ma forse sono in errore.
I morti ci guardano.
I morti ci attendono
e forse ridono di noi.
Ricordati anche che l’esperienza non si insegna
come dicono molti e forse neanche dall’esperienza si impara.
Quindi ogni mio consiglio alla fine è inutile.
Restano i consigli degli acquisti
fino a quando non saremo resettati.
La Coop sei tu. Chi può darti di più?
Aspetto la mia data di scadenza.
Cerco di convivere con la mia inconsistenza.
Ci sono cose che non si possono comprare.
Per tutto il resto c’è MasterCard.
What else?

di Davide Morelli

Agosto 5, 2019

Tag:, ,

Lascia un commento