Vallerano

Il Monte Cimino, la vetta più alta della catena dei Monti Cimini, è un vulcano estinto nell’Appennino laziale, e insieme ai faggi secolari e ai resti di un insediamento etrusco, ospita, sul versante meridionale, un piccolo paese di 2667 anime: Vallerano.

Il paese sta adagiato da secoli sulle pendici meridionali del vulcano addormentato e ha cambiato mille facce da quando, nell’età del bronzo, un manipolo di uomini, donne e sicuramente qualche pargolo, ha trovato rifugio nelle grotte rupestri della zona.

Falisci ed Etruschi hanno calpestato gli affioramenti di tufo e magari venerato i faggi secolari che popolano ancora quei boschi.

Sono arrivati poi i Romani a prendere possesso del castrum, con la Battaglia del lago Vadimone del 283 a.C., in cui l’alleanza etrusco-gallica fu sconfitta.

La strada che da Roma porta al paese, la Cassia, serpeggia lungo la campagna laziale fino a sprofondare, in prossimità del paese, in vaste distese di noccioli costellati da castagni.

La castagna infatti è divenuta il simbolo di Vallerano tanto che le è stata dedicata una sagra che inizia il secondo fine settimana di ottobre e termina 1º novembre compreso. Durante le domeniche mattina di quel periodo vengono organizzate visite guidate gratuite al centro storico, alle vecchie cantine, al Santuario del Ruscello e alle aziende locali. Inoltre gruppi folcloristici e sbandieratori si esibiscono, rendendo i vicoli del paese ancora più affascinanti.

Nella seconda metà del mese di agosto si svolge ogni anno la festa patronale di San Vittore martire che, oltre a prevedere rievocazioni storiche e concerti musicali, si conclude con uno spettacolo pirotecnico tra i più rinomati del centro Italia.

Santuario del Ruscello

Condividi su...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone
novembre 12, 2017

Tag:

Lascia un commento