‘a Ditta Fortunato

Chi è ca nun cunosce a Furtunato
ca venne ‘e tarallucce ‘ncarruzzella
e va dicenno cu na bella voce
ca ” Furtunato tene ‘a robba bella”

Io m’arricordo ch’ero nu guaglione
e ghieva già pe ‘ll’aria ‘o riturnello
mò me so fatto viecchio, tengo ‘e figlie
ma ‘a voce è sempre ‘a stessa: “robba bella”.

‘O truove ‘a Pignasecca ‘o tarallaro
ca fatto storia dint’a stu quartiere
ma nu sa fatto mai tante denare.

Io songo nu poeta senza solde
e nun cià pozzo fa na bon’azione:
ce lasso stu sunetto pe ricorde.

di Lorenzo Barbieri

Marzo 10, 2017

Tag:, ,

Lascia un commento