Natura nella città che cambia – La nebbia

Natura nella città che cambia – La nebbia, fotografia di Paolo Bongianino...

Natura nella città che cambia – La nebbia

Fotografia che fa parte del progetto vincitore del concorso per la vestizione
delle cesate di cantiere della MM4 di Milano.

Natura nella città che cambia
un progetto di Paolo Bongianino

Una selezione di opere dedicate alla natura, non per rimpiangere, ma per valorizzare il lavoro dell’Uomo, per significare il naturale evolvere dell’ambiente in cui viviamo, per ricordare al passante che esiste, oltre all’ambiente urbano, quello del quotidiano vivere, un ambiente della natura. Natura che può essere anche vicina o prossima alla città.

Le immagini proposte non intendono essere evocative di un passato che ormai non esiste più, ma piuttosto essere la rappresentazione, non solo simbolica, di quanto è andato perduto.

Quanto proposto, attraverso i pannelli sulle cesate, è una natura che comunque possiamo ritrovare e rivivere altrove, in luoghi del nostro Paese, alcuni vicini, altri lontani dalla nostra Città.

Il bello dell’ambito urbano, ricco di architetture diverse, di spazi definiti da regole geometriche e, talvolta, da ambiti di natura nascosti, contrasta con la libertà di espressione che la natura propone, stagione dopo stagione.

Il passare del tempo vede gli edifici invecchiare e mutare aspetto mantenendo sostanzialmente inalterate le forme, mentre l’evolversi della natura è il naturale evolvere e crescere di piante ed altri esseri viventi, perchè poi, morendo, lasciano spazio a scenari diversi, continuamente in evoluzione e cambiamento.

Il progetto non rinnega la città ora metropoli: la necessità di costruire una nuova rete metropolitana di trasporto, svincolata dal traffico di superficie, è l’evidente conferma della vitalità stessa della città che cambia e modifica le sue infrastrutture per soddisfare esigenze nuove.

di Paolo Bongianino

Condividi su...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Lascia un commento