Le streghe di Albione 2

Luglio. Anno del Signore 1644   La vedova Jones non capì cosa stesse succedendo, ma aguzzò le orecchie, carpendo brani di conversazione. «Cosa significherebbe che non siete spagnoli?» chiese una voce decisa di donna, come se la rabbia e la diffidenza le avessero infuso una carica di energia inesauribile. «Siamo italiani» rivelò l’ufficiale. «Italiani?» chiese […]

Read More Le streghe di Albione 2

Le streghe di Albione

Luglio. Anno del Signore 1644   Il rumore degli zoccoli dei cavalli arrivò alle orecchie della  vedova Jones ancora prima di vedere se si trattasse di Teste Rotonde o Realisti. Si accoccolò assieme ai due figli dietro alle rovine della casa. Il puzzo di bruciato dell’incendio recente non lasciava prove su quale delle due parti […]

Read More Le streghe di Albione

IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentaseiesima: L’alleanza della Luce

Agosto. Anno del Signore 1530.   Non appena il Doge si trovò alla porte del palazzo antico restaurato reggia di antichi faraoni, provò la stessa sensazione di anni prima, alla vista di Tenochtiltan, la capitale dei Regni Uniti d’America. Un mondo alieno, e al contempo prodotto da esseri umani. Le civiltà e le culture si […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentaseiesima: L’alleanza della Luce

IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentacinquesima: Mondi paralleli

Luglio. Anno del Signore 1530   Ahmed si sentiva considerato allo stesso livello di un animale domestico, o peggio, una suppellettile, un mobile. Erano in viaggio da tre giorni ed entro due sarebbero arrivati in Giapangu, ma fino ad allora non era stato un volo noioso, tutt’altro. Lucrezia Borgia e Salai litigavano ogni giorno, e […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentacinquesima: Mondi paralleli

IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentaquattresima: Le due torri

Luglio. Anno del Signore 1530.   Quando Bologna si stagliò all’orizzonte, una valanga di emozioni inondò Fratello Fulmine.  Bologna La Turrita, simbolo dell’Uomo che vuole elevarsi a Dio, come coloro che avevano osato costruire la Torre di Babele e che il Signore aveva punito confondendo le loro lingue. L’Uomo era terra e non doveva elevarsi […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentaquattresima: Le due torri

IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentatreesima: Cielo di metallo

Luglio. Anno del Signore 1530.   La collera aveva abbandonato Lucrezia Borgia, placata dal perverso piacere di aver colato a picco la marina ottomana. Quanto sarebbe durata quell’effimera pace interna prima che la brama di vendetta la riprendesse? La risposta fu dura, fortunatamente pronunciata da Shimada. «Purtroppo, siamo costretti a volare molto lentamente per risparmiare […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentatreesima: Cielo di metallo

IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentaduesima: Mare infuocato

Luglio. Anno del Signore 1530   La visione del cielo sereno sopra di lei e il mare, azzurro e calmo miglia sotto l’ammiraglia di Shimada era in contrasto con la tempesta di emozioni che si stava scatenando dentro l’animo di Lucrezia Borgia. Anche suo fratello Cesare veniva spesso preso da simili attacchi di collera, specialmente […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentaduesima: Mare infuocato

IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentunesima: Deserto in fiamme

Luglio. Anno del Signore 1530   Le cinque enormi portaornitotteri colpite sembravano animate e vive. La lava uscita dagli involucri stava fondendo il metallo dall’interno. I missili di Doria e Veniero erano un modello dotato di una testata esplosiva che perforava il metallo e di un’altra, più potente, che scoppiava non appena penetrata all’interno. Rivoli […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentunesima: Deserto in fiamme

IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentesima: Fulmini sul deserto

Luglio. Anno del Signore 1530   Il deserto si svegliò al sorgere del sole. Nonostante Lucrezia Borgia si sentisse molto più a suo agio sottoterra, la consolò la vista delle dieci enormi portaornitotteri del suo fedele ammiraglio Shamada, perfettamente in fila. Lo spettacolo era quasi biblico, con dieci arche a bordo delle quali, in fila […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte trentesima: Fulmini sul deserto

IL FIUME E IL DESERTO – Parte ventinovesima: gli occhi di Iside

Luglio. Anno del Signore 1530 Fioravante indossava i cinque talismani. Silvana, Anna, Fiona, Luna d’Argento, Gudrun lo affiancavano. Davanti a loro, Fatima sedeva su uno scranno. Nonostante le mani legate ai poggioli, la bocca coperta da un bavaglio e gli occhi da una benda, manteneva ancora la sua regalità, eretta, come fosse stata su un […]

Read More IL FIUME E IL DESERTO – Parte ventinovesima: gli occhi di Iside