Odissea – Libro XXI

ODISSEA

Libro Ventunesimo

Atena, la Dea glaucopide, suggerì                                                                                                     1

alla figlia di Icario, la saggia Penelope, di mettere

nelle mani dei pretendenti nella casa di Odisseo

l’arco e il ferro grigio, strumenti di gara e inizio della strage.

Lei salì per l’alta scala del suo palazzo, prese                                                                                 5

con la mano robusta la bella chiave ricurva

fatta di bronzo, con l’impugnatura d’avorio;

poi andò con le ancelle nella stanza più interna

della casa, dove erano custodite le ricchezze del sovrano:

bronzo, oro e ferro ben lavorato. Lì c’erano                                                                                 10

l’arco ricurvo e la faretra piena di frecce:

dentro c’erano molte frecce che danno dolore;

erano un dono di un ospite incontrato a Lacedemone:

Ifito figlio di Eurito, simile agli Dei immortali.

I due si erano trovati insieme in Messenia,                                                                                   15

a casa del saggio Ortiloco: Odisseo era lì per esigere

un debito che doveva riscuotere da quel popolo. I Messeni,

con le navi dai molti remi, avevano portato via da Itaca

trecento pecore con i loro pastori; per questo Odisseo,

ancora ragazzo, fece questo lungo viaggio: aveva ricevuto                                                        20

l’incarico da parte del padre e di tutti gli altri anziani.

Ifito era andato per cercare delle cavalle che erano scomparse:

dodici femmine che allattavano muli resistenti alla fatica;

queste provocarono, poi, il suo destino di morte.

Infatti egli andò dal forte figlio di Zeus,                                                                                        25

il possente Eracle esperto di grandi imprese,

che lo uccise a casa sua, pur essendo suo ospite.

Sciagurato! Non ebbe timore dello sguardo degli Dei,

né rispetto della mensa che aveva imbandito: lo uccise,

e nascose nelle sue stalle quelle cavalle dal forte zoccolo!                                                         30

Mentre le cercava, Ifito incontrò Odisseo e gli donò l’arco

che un tempo usava il grande Eurito il quale, in punto di morte,

lo aveva lasciato al figlio nel suo grande palazzo.

A lui Odisseo donò una spada affilata e una lancia robusta,

dando inizio a un rapporto di ospitalità; non poterono conoscere                                           35

l’uno la mensa dell’altro, perché prima il figlio di Zeus uccise Ifito,

figlio di Eurito simile agli immortali, che gli aveva

donato l’arco. Il glorioso Odisseo, quando

andava a combattere con le sue navi nere,

non lo portava mai con sé: lo teneva in casa in ricordo                                                              40

dell’ospite caro; lo usava soltanto nelle sue terre.

Quando Penelope, divina tra le donne, giunse al talamo

e raggiunse la soglia di quercia (un artigiano l’aveva

levigata con cura, dopo averla squadrata con il filo a piombo,

su di essa aveva fissato gli stipiti e montato gli splendidi battenti),                                         45

allora rapidamente sciolse la cinghia dagli anelli,

introdusse la chiave e spostò i chiavistelli della porta

con un colpo mirato: i battenti muggirono come

un toro al pascolo, in un prato; con la stessa forza rimbombò

la porta per la spinta della chiave: subito i battenti si aprirono.                                               50

Allora lei salì su un alta pedana dove c’erano casse

piene di vesti profumate; sporgendosi al di sopra

delle casse, staccò dal chiodo l’arco assieme

allo splendido fodero che lo avvolgeva;

poi si mise seduta e se lo appoggiò sulle ginocchia:                                                                    55

mentre tirava fuori l’arco del sovrano, piangeva senza freno.

Quando fu sazia di lacrime e di pianto, tornò

nella sala dai nobili pretendenti portando in mano

l’arco ricurvo e la faretra piena di frecce:

dentro c’erano molte frecce che danno dolore;                                                                           60

dietro di lei, le ancelle portavano una cesta dove c’era

ferro e bronzo: strumenti di gara del sovrano.

Quando giunse tra i pretendenti, divina tra le donne,

si fermò accanto a un pilastro dell’alto tetto,

tendendo davanti alle guance lo splendido velo;                                                                         65

ad ognuno dei due lati, aveva vicino un’ancella fedele.

Subito parlò ai pretendenti facendo questo discorso:

“Ascoltatemi, superbi pretendenti, che senza sosta

vi precipitate a mangiare e a bere nella casa

di un uomo che da tanto tempo è lontano;                                                                                   70

non sapete trovare nessun altro pretesto, se non

quello di volermi sposare e prendermi in moglie:

ora datevi da fare! Propongo un premio per una gara.

Io porrò qui il grande arco del glorioso Odisseo:

quello che tenderà l’arco con maggiore abilità                                                                             75

e attraverserà tutte le dodici scuri con la freccia,

io lo seguirò e lascerò questa casa: il palazzo

di mio marito, così bello e così ricco,

di cui mi ricorderò per sempre anche in sogno”.

Così disse; e incaricò Eumeo, il glorioso porcaro,                                                                      80

di mostrare loro l’arco e il ferro grigio.

Eumeo lo prese e, piangendo, lo pose a terra; con lui

piangeva anche il bovaro, vedendo l’arco del suo padrone.

Antinoo li rimproverò, si rivolse a loro e disse:

“Sciocchi campagnoli, non sapete pensare oltre il domani.                                                       85

Miserabili, perché piangete e tormentate il cuore

di questa donna? Già vive nell’angoscia,

perché ha perduto lo sposo che amava.

Ora sedetevi a mangiare in silenzio, oppure

uscite a piangere fuori della porta! Lasciate qui l’arco:                                                              90

sarà una durissima prova per i pretendenti, non credo

che sarà facile tendere questo lucido arco.

Nessuno di questi uomini, infatti, è forte

come Odisseo: io l’ho visto di persona e mi ricordo

bene, anche se ero ancora un bambino”.                                                                                      95

Così disse; ma dentro l’animo suo sperava di tendere

la corda e di far passare la freccia attraverso il ferro.

E invece proprio lui avrebbe provato per primo la freccia

scagliata dalle mani del glorioso Odisseo: anche se lui

lo insultava, stando in casa sua e incitando i suoi compagni.                                                 100

A tutti i pretendenti disse il forte Telemaco:

“Ahimè, Zeus figlio di Crono mi ha reso folle!

Mia madre, che pure è così assennata,

dice che sposerà un altro e lascerà questa casa.

E io sto qui a ridere, come un folle!                                                                                             105

Pretendenti, vi viene offerto un premio notevole:

una donna che non ha pari in terra achea,

né nella sacra Pilo, né ad Argo, né a Micene,

né qui a Itaca, né sul continente ombroso.

Ma questo lo sapete: che bisogno c’è di lodare mia madre?                                                     110

Non andate più avanti con pretesti, non sottraetevi

alla gara dell’arco; siamo pronti a guardarvi.

Anche io vorrei mettermi alla prova con l’arco:

se lo tenderò e attraverserò con la freccia il ferro,

la mia nobile madre non dovrà più lasciarmi,                                                                            115

abbandonando questa nobile casa e seguendo un altro:

io sono capace di maneggiare gli strumenti di mio padre”.

Così disse; balzando in piedi, si tolse dalle spalle

il mantello di porpora e sganciò la spada affilata;

per prima cosa, mise in fila le scuri; scavò un solco lungo,                                                      120

lo fece dritto come fosse squadrato tendendo una corda,

ammucchiando la terra intorno: tutti si stupirono, vedendo

come l’aveva messo bene (anche se non lo aveva mai visto fare).

Poi si fermò sulla soglia e si provò a tirare con l’arco:

tre volte cercò di tenderlo, con l’intento di tirare;                                                                     125

per tre volte rinunciò a quello sforzo: invano sperava

di tendere la corda e scoccare la freccia dentro il ferro.

Quando stava per tendere l’arco per la quarta volta

Odisseo gli fece cenno e lui trattenne l’impulso.

A tutti i pretendenti disse il forte Telemaco:                                                                              130

“Ahimè! Sarò sempre debole e incapace, oppure

sono ancora troppo giovane e non posso fidarmi delle braccia

per difendermi da qualcuno che mi faccia del male!

Ma ora voi, che siete tanto più forti di me,

provate a tirare con l’arco e a ultimare questa gara”.                                                                135

Così dicendo, mise l’arco a terra lontano da lui,

appoggiandolo ai lucidi battenti della porta;

sospese all’anello della porta la freccia veloce,

poi tornò a sedere sul seggio da cui si era alzato.

Allora parlò Antinoo, il figlio di Eupite:                                                                                      140

“Compagni, alzatevi tutti uno dopo l’altro, cominciando

da destra, come quando si versa il vino”.

Così disse Antinoo; il suo discorso piacque a tutti.

Si alzò per primo Leode, il figlio di Enopo,

che era il loro aruspice; sedeva sempre in fondo                                                                       145

alla sala, accanto al cratere: a lui solo erano odiose

le prepotenze dei pretendenti ed era sdegnato con loro.

Lui prese per primo l’arco e la freccia veloce,

si fermò dritto sulla soglia e provò a l’arco,

ma non riuscì a tenderlo: tirando, aveva affaticato                                                                   150

le sue mani morbide e delicate. Allora disse ai pretendenti:

“Amici, non riesco a tenderlo: lo prenda un altro!

Questo arco spezzerà il cuore a molti uomini forti,

privandoli della vita: perché è meglio morire

che vivere senza aver ottenuto ciò per cui stiamo sempre                                                        155

insieme qui, facendoci ospitare ogni giorno.

Ognuno di noi nell’animo suo spera e brama

di sposare Penelope, la moglie di Odisseo;

ma quando si prova a tirare con l’arco e si fallisce,

allora è meglio chiedere in moglie un’altra delle donne achee                                                160

dal bel peplo, offrendole dei doni: e che Penelope sposi

chi le avrà offerto di più e sarà scelto dal destino”.

Così dicendo, mise l’arco a terra lontano da lui,

appoggiandolo ai lucidi battenti della porta;

sospese all’anello della porta la freccia veloce,                                                                           165

poi tornò a sedere sul seggio da cui si era alzato.

Antinoo lo rimproverò e, rivolto a lui, disse:

“Leode, quali tremende parole ti sono uscite

dalla chiostra dei denti! Sono sdegnato! Dici che

questo arco spezzerà il cuore a molti uomini forti,                                                                    170

solo perché tu non hai potuto tenderlo tu.

La tua nobile madre, infatti, non ti ha generato

per essere arciere e lanciatore di frecce;

ma altri nobili pretendenti riusciranno a tenderlo!”.

Così disse; e diede ordini al capraio Melanzio:                                                                           175

“Su, Melanzio, accendi il fuoco nella sala

e avvicina al fuoco un grande seggio con sopra un vello;

e porta qui un gran pezzo del grasso che c’è in casa,

perché noi giovani, dopo averlo riscaldato e spalmato sull’arco,

ci mettiamo alla prova e concludiamo questa gara”.                                                                180

Così disse; subito Melanzio accese un fuoco ardente,

avvicinò al fuoco un grande seggio con sopra un vello

e portò lì un gran pezzo del grasso che c’era in casa.

I giovani lo riscaldarono e si misero alla prova, ma non

riuscirono a tendere l’arco: non avevano forze sufficienti.                                                      185

Rimanevano ancora Antinoo e il nobile Eurimaco,

che erano i capi dei pretendenti e i più valorosi;

allora il bovaro e il porcaro del glorioso Odisseo

si fecero cenno e uscirono insieme dalla sala:

con loro, uscì anche il glorioso Odisseo;                                                                                     190

quando furono fuori dalla porta e dall’atrio,

prese a parlare e fece loro questo discorso:

“Bovaro e porcaro: non so se dirvi una cosa

o tacerla, ma il cuore mi spinge a parlare.

Sareste disposti ad aiutare Odisseo,                                                                                            195

se tornasse qui all’improvviso, condotto da un nume?

In tal caso, aiutereste Odisseo o i pretendenti?

Ditemi quello che pensate davvero”.

Gli rispose allora il pastore dei buoi:

“Padre Zeus, magari si realizzasse il mio desiderio:                                                                 200

che quell’uomo ritorni e lo conduca un nume!

Allora sì che vedresti la forza delle mie braccia!”.

Allo stesso modo, Eumeo pregava gli Dei

perché il saggio Odisseo facesse ritorno a casa.

Quando egli capì che il loro cuore era sincero                                                                           205

allora si rivolse di nuovo a loro e disse:

“Sì, sono proprio io! Dopo venti anni e dopo

avere molto sofferto sono tornato in patria.

Vedo che solo voi avete desiderato il mio ritorno,

tra i servi: non ho sentito nessun altro pregare                                                                         210

perché io tornassi e giungessi di nuovo a casa.

A voi due dirò sinceramente quello che avverrà:

se per mano mia un nume abbatterà i superbi pretendenti,

darò a ciascuno di voi una moglie, beni in proprietà

e una casa costruita accanto alla mia; in futuro                                                                         215

voi sarete per me come due amici fraterni di Telemaco.

Ma ora vi mostrerò anche un altro segno chiarissimo,

perché mi riconosciate e abbiate fiducia in me:

la ferita che mi fece un cinghiale con la sua zanna bianca,

mentre andavo a caccia con i figli di Autolico, sul Parnaso”.                                                  220

Dicendo così, scostò le vesti lacere dalla grande cicatrice;

quelli la videro con attenzione e capirono tutto.

allora, piangendo, essi abbracciarono il saggio

Odisseo, baciandogli la testa e le spalle;

anche Odisseo li baciò sulla testa e sulle mani.                                                                         225

Il sole sarebbe tramontato mentre loro ancora piangevano,

se Odisseo non li avesse fermati e non avesse detto:

“Smettetela con i pianti e i lamenti: che nessuno,

uscendo dalla sala, vi veda e lo dica a quelli che sono dentro.

Ora rientriamo uno per volta, non tutti insieme;                                                                      230

io entrerò prima di voi. Il segnale che vi darò sarà questo:

tutti i superbi pretendenti non permetteranno

che mi siano dati l’arco e la faretra; ma tu,

divino Eumeo, attraversando tutta la sala,

me li metterai tra le mani e dirai alle donne                                                                              235

di chiudere bene le solide porte della sala;

se qualcuna di loro, dall’interno delle loro stanze,

sentirà lamenti o rumori all’interno non dovrà

uscire dalla porta, ma dovrà restare a lavorare in silenzio.

A te, Filezio, io ordino di chiudere a chiave                                                                               240

la porta dell’atrio e di stringerci sopra un nodo””.

Detto così, rientrò nella sua casa ben costruita

e tornò a sedere sul seggio da cui si era alzato;

poi rientrarono anche i due servi del divino Odisseo.

Eurimaco aveva già impugnato l’arco, dopo averlo                                                                   245

riscaldato dai due lati alla fiamma del fuoco: neppure

così riusciva a tenderlo e ne soffriva il suo cuore orgoglioso.

Adirato, si rivolse agli altri e disse:

“Ahimè, che vergogna! Non per me, ma per tutti!

Sono addolorato, ma non soffro tanto per le nozze                                                                  250

– ci sono molte altre donne achee a Itaca

circondata dal mare, come nelle altre città –,

ma perché quanto a forze siamo molto inferiori

al divino Odisseo; e infatti non riusciamo neppure a tendere

il suo arco. Un’onta! Lo sapranno anche le generazioni future!”.                                           255

Gli rispose allora Antinoo, il figlio di Eupite:

“Eurimaco, non sarà così! E lo sai anche tu.

Ora in queste terre si celebra festa sacra di Apollo, un Dio

molto potente: chi potrebbe tendere l’arco? State tranquilli,

mettetelo a terra. Possiamo lasciare le scuri qui;                                                                      260

perché credo che nessuno entrerà nella sala

di Odisseo figlio di Laerte per portarle via.

Adesso, che l’araldo cominci a riempire le coppe

perché possiamo libare e mettere da parte l’arco ricurvo;

domattina ordinate al capraio Melanzio                                                                                     265

di portare le capre più belle del gregge;

dopo avere offerto le cosce ad Apollo, arciere glorioso,

ci metteremo alla prova e concluderemo questa gara”.

Così disse; le sue parole piacquero a tutti.

Gli araldi versarono acqua sulle loro mani,                                                                               270

i giovani riempirono fino all’orlo i crateri

e poi distribuirono a tutti le coppe di vino.

Dopo che ebbero libato e bevuto a volontà,

a tutti parlò l’ingegnoso Odisseo, meditando inganni:

“Ascoltatemi, voi che volete sposare la gloriosa regina,                                                           275

affinché io possa dire ciò che penso.

Io supplico Eurimaco e Antinoo simile a un Dio

(che ha parlato anche questa volta in modo giusto)

di lasciare da parte l’arco e affidarsi agli Dei.

Domattina, un Dio concederà la vittoria a chi vorrà.                                                               280

Ma ora datemi questo lucido arco, perché anch’io

metta alla prova la forza delle mie braccia: così saprò

se c’è ancora il vigore di prima nelle mie membra robuste

o se il vagabondaggio e la povertà l’hanno distrutto”.

Così disse; tutti gli altri si sdegnarono molto,                                                                           285

temendo che riuscisse a tendere il lucido arco.

Antinoo lo rimproverò e gli fece questo discorso:

“Pazzo straniero, non hai un briciolo di cervello!

Non ti accontenti di mangiare tranquillamente accanto

a noi, così nobili? Il cibo non ti manca,                                                                                      290

puoi ascoltare i nostri discorsi: come non ha mai

fatto nessun altro straniero o mendicante!

Il dolce vino ti annebbia la mente; il vino fa male

a tutti, se lo si tracanna e lo si beve senza misura.

Anche un centauro, il glorioso Euritione, fu accecato                                                              295

dal vino quando andò fra i Lapiti, nella sala del banchetto

del magnanimo Piritoo. Quando fu accecato dal vino,

lui impazzì e commise azioni scellerate in casa di Piritoo.

I Lapiti furono presi dall’orrore, gli si avventarono contro:

lo trascinarono fuori con il bronzo spietato gli mozzarono                                                     300

il naso e le orecchie; lui, con la mente accecata,

andò via portandosi nel cuore la sua sciagura.

Da qui nacque la lotta tra uomini e centauri; quello,

ubriacandosi, fece del male soprattutto a se stesso.

Io prevedo per te una grande sciagura, se tu dovessi                                                               305

tendere l’arco: non troveresti più protezione

nel nostro paese; ti manderemmo subito

su una nave nera dal re Echeto, flagello dei mortali:

non potresti salvarti in nessun modo. Perciò resta

tranquillo a bere, non metterti in gara con i più giovani”.                                                       310

Gli rispose allora la saggia Penelope:

“Antinoo, non è né bello né saggio maltrattare

gli ospiti di Telemaco o chiunque arrivi in questa casa.

Temi forse che, se lo straniero dovesse tendere il grande

arco di Odisseo con la forza delle sue braccia,                                                                           315

possa condurmi a casa sua e prendermi in moglie?

Di certo lui non sperava questo, nel suo animo;

nessuno di voi che partecipate al banchetto deve

preoccuparsi di questo: sarebbe una cosa disdicevole”.

Le disse allora Eurimaco, il figlio di Polibo:                                                                              320

“Figlia di Icario, saggia Penelope, noi non pensiamo

che quest’uomo ti porti via: sarebbe una cosa disdicevole.

Ci vergogniamo di quello che potrebbero dire uomini e donne.

Abbiamo paura che anche il più vile degli Achei possa dire:

– Degli uomini molto inferiori vogliono sposare la moglie                                                      325

di un uomo valente, ma non sanno tendere il suo lucido arco;

invece un mendicante, un vagabondo che è arrivato qui,

ha teso l’arco e ha attraversato con la freccia le scuri di ferro –.

Così direbbero; e sarebbe un oltraggio per noi”.

Gli rispose allora la saggia Penelope:                                                                                          330

“Eurimaco, non è possibile che abbiano un buon nome

tra il popolo quelli che senza riguardo dilapidano il patrimonio

di un uomo valoroso. Perché adesso vi vergognate?

Questo straniero è molto forte e robusto

e si vanta di essere nato da un nobile padre.                                                                              335

Perciò dategli il lucido arco, mettiamolo alla prova.

Ma io vi dico una cosa e certamente avverrà:

se lui riuscisse a tenderlo e Apollo gli concede questa gloria,

io gli darò vesti bellissime: una tunica e un mantello,

un’asta aguzza per difendersi dagli uomini e dai cani,                                                             340

una spada a due tagli e sandali per i piedi:

farò in modo che vada dove lui desidera”.

Le rispose allora il saggio Telemaco:

“Madre mia, nessuno tra gli Achei può decidere

meglio di me sul fatto di dare l’arco o rifiutarlo:                                                                       345

nessuno tra tutti i potenti che sono a Itaca rocciosa

oppure abitano le isole di fronte all’Elide ricca di cavalli.

Anche se io volessi regalare per sempre l’arco all’ospite

perché se lo porti via… nessuno potrebbe impedirmelo.

Ma ora torna nelle tue stanze e bada ai tuoi lavori,                                                                  350

al telaio e al fuso; ordina alle ancelle di dedicarsi

ai loro lavori. Dell’arco si interesseranno gli uomini;

ma soprattutto io, che sono il capo di questa casa”.

Lei, stupita, tornò nelle sue stanze: nel suo animo

aveva accettato le sagge parole del figlio;                                                                                   355

salita al piano superiore con le sue ancelle,

continuò a piangere Odisseo, il suo sposo, finché

Atena glaucopide non versò dolce sonno sulle sue palpebre.

Intanto il glorioso porcaro prese l’arco ricurvo per portarlo

a Odisseo; i pretendenti, nella sala, inveivano contro di lui                                                    360

e qualcuno di quei giovani insolenti diceva:

“Dove porti l’arco ricurvo, miserabile porcaro

senza cervello? Se ci proteggeranno Apollo e gli altri

Dei immortali, presto – accanto ai tuoi porci e lontano

dagli uomini – ti divoreranno i cani veloci che allevi”.                                                              365

Così dicevano; quello lasciò l’arco dove l’aveva preso,

impaurito: erano in molti a gridare, dentro la sala.

Ma, dall’altro lato, Telemaco urlava minaccioso:

“Vecchio, porta subito l’arco: non puoi dar retta a tutti.

Bada che io non ti insegua a sassate fino ai campi:                                                                  370

anche se sono più giovane, sono più forte di te!

Se fossi anche più forte di tutti costoro

che bivaccano a casa – i pretendenti –

li scaccerei subito e in malo modo da casa mia:

perché qui si compiono azioni scellerate!”.                                                                                375

Così disse; i pretendenti risero di lui, allegramente,

e allentarono l’ira nei confronti di Telemaco.

Il porcaro Eumeo attraversò la sala con l’arco,

si fermò e lo diede in mano a Odisseo.

Poi chiamò a parte la nutrice Euriclea e disse:                                                                         380

“Saggia Euriclea, Telemaco ti ordina

di chiudere bene le solide porte della sala;

se qualcuna di loro, dall’interno delle loro stanze,

sentirà lamenti o rumori all’interno non dovrà

uscire dalla porta, ma dovrà restare a lavorare in silenzio”.                                                    385

Così disse e non parlò al vento;

la nutrice serrò le porte della sala.

Filezio, in silenzio, uscì dal palazzo

e chiuse le porte dell’atrio ben recintato.

Sotto il portico vi era la fune di una veloce nave,                                                                      390

fatta di giunco di papiro: con essa legò le porte e rientrò;

sedette sullo sgabello da cui si era alzato

e guardava Odisseo. Questi maneggiava l’arco

e lo rigirava tutto, saggiando da ogni parte

se i tarli avevano roso il corno, in assenza del padrone.                                                           395

Qualcuno, rivolti gli sguardi al suo vicino, diceva:

“Certo, è un uomo che ha occhio e si intende di archi;

forse a casa sua ne possiede uno simile,

oppure ne desidera uno: da come lo rigira

tra le mani, il vagabondo sembra un esperto”.                                                                          400

Un altro dei giovani arroganti diceva:

“Potesse costui avere così poco successo

quanto ne avrà nel tendere l’arco”.

Così dicevano i pretendenti. L’astuto Odisseo,

quando ebbe ponderato ed osservato il grande arco,                                                               405

come un uomo esperto di canto e di cetra

(che senza sforzo tende le corde allo strumento nuovo

attaccando ai due estremi le budella di pecora),

così senza sforzo tese il grande arco.

Poi impugnò la corda e la saggiò con la mano destra:                                                              410

ed essa cantò, con voce simile alla rondine.

I pretendenti ne soffrirono e mutarono colore.

Zeus tuonò con fragore, manifestando il suo favore.

Allora il paziente Odisseo provò gioia,

poiché l’astuto Cronide aveva mandato un segno.                                                                     415

Prese una freccia veloce che stava vicino al tavolo:

la altre erano dentro la faretra concava

(gli Achei le avrebbero presto assaggiate).

Egli incoccò il dardo sull’arco, tese la corda,

stando seduto con la mano destra sul petto                                                                              420

e scagliò la freccia, mirando dritto: non mancò

il primo foro: attraversate tutte le scuri, il dardo

uscì fuori. Egli disse allora a Telemaco:

“Telemaco, lo straniero non ti disonora, sedendo

a casa tua; non ho fallito il bersaglio,                                                                                          425

né faticai molto: conservo le mie forze,

a differenza dei pretendenti che mi insultano.

Ora è tempo di preparare la cena agli Achei,

con la luce della sera, e di divertirsi in altro modo

con il canto e con la cetra che allietano il banchetto”.                                                              430

Così disse e annuì con il sopracciglio. Allora Telemaco,

il caro figlio del divino Odisseo, cinse la spada,

impugnò l’asta si mise vicino al seggio

del padre, armato di bronzo lucente.

←LIBRO XX                                                          LIBRO XXII →

Torna all’indice

 

di Daniele Bello

Marzo 20, 2020

Tag:, , ,

Lascia un commento