Un salto nel passato ai Castelli Romani

Pochi chilometri da Roma, tra alture vulcaniche, boschi, laghi e prati fioriti, la storia del grande Impero si fonde tra mito e realtà.

Sono Mariachiara Patriarca, Laureata in Scienze Archeologiche e in questa Rubrica voglio narrarvi le meraviglie dei Castelli Romani.

Marino vista su Roma (foto di Mariachiara Patriarca)

I castelli Romani sono paesi dei Colli Albani situati, in parte del territorio del Latium Vetus.

Le nobili famiglie dell’Impero Romano si rifugiavano in questi luoghi durante le calde stagioni estive, per il clima fresco e paesaggio immersi nel verde.

Ancora oggi sono mete preferite di molti turisti che trovano ristoro in queste cittadine dai borghi unici e caratteristici.

Marino (foto di Mariachiara Patriarca)

Lo Storico Giuseppe Tomassetti (18481911), ricostruì la denominazione “Castelli Romani”, spiegando che risale al XIV secolo quando molti abitanti di Roma, per sfuggire alle difficoltà economiche e politiche derivanti dalla Cattività avignonese, si rifugiarono nei castelli delle famiglie feudali romane:

dei Savelli (Albano e Castel Savello, Ariccia, Castel Gandolfo, Rocca Priora), degli Annibaldi (Molara, Monte Compatri, Rocca di Papa), degli Orsini (Marino) e dei Colonna (Monte Porzio Catone, Nemi, Colonna, Genzano e Civita Lavinia).

Monte Tuscolo (foto di Mariachiara Patriarca)

Questo  territorio è caratterizzato da una natura vulcanica, originata dal crollo del Vulcano Laziale alcune centinaia di migliaia di anni fa.

Fonte immagine: http://www.adricamp.com/gallery/laghi-castelli-romani

Nella bocca del Vulcano Laziale si estendeva  l’intera aerea della Cintura interna dei Castelli: in seguito collassò dando origine a varie bocche secondarie, la più importante era l’attuale Monte Cavo (949 m s.l.m.).

Lago di Albano (foto di Mariachiara Patriarca)

Le altre bocche minori del Vulcano sono divenute dei Bacini Lacustri gran parte sono stati prosciugati nel corso degli anni.

Secondo la classificazione del Servizio Geologico d’Italia la maggior parte del territorio dei Castelli Romani è composta da terreni classificati come materiale eruttivo finale che ha dato origine al famoso peperino.

Le zone di estrazione più note del peperino sono: Marino, Albano,  Ariccia e in alcune aree della Valle Latina.

Lago di Albano (foto di Mariachiara Patriarca)

Condividerò con voi monumenti, siti archeologici, opere d’arte, miti e leggende che risiedono in questi posti, dove il verde regna sovrano e il passato e presente si fondono in un paesaggio unico ricco di storia e di mistero.


“Lenghelo” il folletto dispettoso del Bosco di Albano Laziale
Una leggenda che si tramanda nella tradizione pagana Laziale racconta i dispetti del folletto “Lenghelo”. Ma chi sono i folletti? I folletti sono creature leggendarie tipiche della tradizione popolare; vengono raffigurati generalmente come esseri
Il cuore di Albano Laziale: Villa Doria Pamphilj
C'era una volta, una villa bellissima nel cuore di Albano Laziale, dimora del grande avversario di Giulio Cesare, Gneo Pompeo Magno.
La leggenda degli Orazi e Curiazi
Un' antica leggenda storica raccontata da Tito Livio, Roma ed Albalonga entrarono in conflitto e lo scontro fu inevitabile (durante il regno di Tullo Ostilio nel 673-641 a.C.). I due sovrani condividendo la stessa sacra discendenza dal mito di
C'era una volta...Albano Laziale
 Oggi vi voglio raccontare la storia di uno dei paesi più importanti dei Castelli Romani, dai colori vivaci, scorci caratteristici e sempre pieno di vita, Albano Laziale. Sede vescovale fin dal V secolo, storico principato della famiglia
Il ninfeo di Caligola
Nell'articolo precedente vi ho raccontato della leggenda delle navi di Caligola, ma il lago ha custodito anche un altro segreto... la villa dell’imperatore. Terzo imperatore di Roma, Gaio Giulio Cesare Augusto Germanico detto Caligola,

Autore: Dott.ssa Mariachiara Patriarca

Fonte:
https://it.wikipedia.org/wiki/Castelli_Romani
Fonte immagine:
http://www.adricamp.com/gallery/laghi-castelli-romani