Natale

Natale

Se vedono ‘e vetrine già allummate
Se sente’o zampugnaro cu ‘a novena
Si penzo ca Natale sta vicino
Che pena dint’o core ca me vene.
Nun penzano ‘o Natale ‘a casa mia
Nisciuno penza ch’è na festa santa
Se penza sulo ‘a panza, a ffà ‘o regalo
Nun è na festa addò se prega e canta.
Vurria turnà pe nu mumento sulo
Quanno ca stevo ‘e casa a San Gennaro
‘o tiempo d’’o Natale ‘a Sanità
Addò sentive ‘o vero zampugnaro.
Stennevano ‘o mesale allegramente
Doppo pregato annanze ‘o Gesù Cristo
E se mangiava, po’, tutte quante ‘nzieme
Facendo festa ca ‘rrobba do canisto.
Doppo mangiato chell’i quatte cose
Che scorze ‘e mandarine e che nocelle
C’ognuno ‘e nuie s’era stipato
Passavamo ‘a nuttata a tumbulella.
A mezzanotte, asceva ‘a dint’e case
Na prucessione ‘e ggente ‘e che manera
Asceva ‘a cammesara cu ‘o duttore
Asceva ‘o scupatore ca ‘nfermera.
A mano a mano ca sta folla asceva
Vedive tutt’’e viche illuminate
Arravugliate dint’a manta ‘e lana
Veneveno int’a chiesa l’ammalate.
Sunavano ‘ campane ‘e mezzanotte
E ‘a voce ‘e chesta gente puverella
S’arrampecava ‘ncopp’e ragge ‘e luna
Saglienno ‘ncielo, ‘nfino ‘mmiez’e stelle.
Se so perdute tutte chest’ausanze
Mò dint’a chiesa nun ce va nisciuno
Nu pare ‘e vicchiarelle solamente
‘nnanz’’o Signore pregane digiune.
Si penso ca Natale è già arrivato
Me vene dint’o core nu sconforto
E passa ‘a voglia pure ‘e festeggià.

di Lorenzo Barbieri

Dicembre 25, 2019

Tag:, , ,

Lascia un commento