La città dei morti

La città dei morti Si erge come scomposto cadavere su di un altopiano brullo. Vicoli e piazze sono cosparsi di cenere. Una densa e compatta nebbia l’attraversa tutta stritolando anche la grande chiesa, abbandonata sul colle. Nelle notti di luna piena un vento potente sembra scuotere le sue fondamenta. Porta con sé lamenti senza tempo […]

Read More La città dei morti

Il mostro del bosco -1 di 2

Il pretore Albinus era stato trasferito in una delle province ai confini dell’impero. La sua cattiva condotta in Roma aveva convinto il senato che era meglio per lui uscire di scena senza clamori. Non volevano privarsi di un funzionario tutto sommato capace e in grado di assolvere il suo compito, solo che in una città […]

Read More Il mostro del bosco -1 di 2

L’uomo uscito dal bosco

03 aprile 2018. Stamattina avrebbe dovuto essere una giornata uguale alle altre. L’alba stava sfumando in un azzurro più intenso e il sole si affacciava sul mio terreno, facendo salire scintillii di fuoco dalla terra rossa. Dopo colazione avevo preso la zappa, alcuni sacchi di semi e avevo raggiunto il campo dietro casa, poco distante […]

Read More L’uomo uscito dal bosco

L’orrore di Sant’Antonio

L’uomo si trovò avvolto da un’oscurità palpabile. L’unica oasi di luce presente era il bagliore fioco emesso dalla lanterna che reggeva in mano. La caverna, un antro buio e umido, si spalancava davanti a lui. Da fuori echeggiavano lo scrosciare continuo della pioggia e i boati del cielo. L’uomo,  che altri non era se non […]

Read More L’orrore di Sant’Antonio
Agosto 30, 2019

Tag:, , ,

L’ultimo plenilunio

Alberto Ghesizzi si fermò, il cuore in tumulto. Questa volta lo aveva sentito chiaramente: un ringhio basso, gutturale, che proveniva dalle tenebre davanti a sé. Si tirò su la cerniera dei pantaloni, arretrò di un passo dall’albero. Le orecchie tese, a captare il minimo fruscio; il fiato corto. Stava rientrando a casa da una festa […]

Read More L’ultimo plenilunio
Gennaio 14, 2019

Tag:, ,

La bambolina appesa

C’era una volta in via Tiziano Zalli un cavalcavia in cemento armato, i lodigiani lo chiamavano il k2 poiché era una struttura che si innalzava verso l’alto permettendo un passaggio pedonale al di sopra della ferrovia. Questa imponente struttura era formata da più spezzoni prefabbricati che, salendo a zig zag poggiavano su enormi pilastri, scavalcando […]

Read More La bambolina appesa

Il Cimitero dei Sonnambuli

Freddo pungente, deve socchiudere gli occhi altrimenti gli fanno male. Muschio, licheni, la poca luce filtra dall’abisso di alberi che oscurano il cielo. In aiuto, solo la sua torcia. Il fascio buca l’oscurità, sinistra, ci sono strati di nebbia fina, si muovono come lupi, a branchi attanagliano le radici degli alberi e sfilano sul terreno […]

Read More Il Cimitero dei Sonnambuli

Luna rosso sangue

Il trentaduenne Massimo Gerardi inforcò il lungo viale alberato. Erano le tre e venticinque di una fredda mattinata di settembre. L’uomo si strinse nel cappotto sfregandosi le mani. Le poche stelle in cielo rischiaravano a malapena il viale costeggiato dalle automobili in parcheggio. La luna aveva già iniziato ad adombrarsi, causa un evento cosmico che […]

Read More Luna rosso sangue